Ti sei mai chiesto se esistano persone per le quali la felicità rappresenta un sentimento costante e duraturo, che non viene scalfito da nessuna delle avversità che incontra?

Sembrerebbe di sì, almeno a leggere i risultati di uno studio longitudinale statunitense su oltre 5000 soggetti adulti. Chi si autodefiniva felice nel 1993 ha confermato questa valutazione dieci anni più tardi e ancora dieci anni dopo nel 2013, anche se nel frattempo la sua vita aveva subito profondi mutamenti e la sorte gli aveva giocato più di un tiro mancino.

Sembra dunque che esistano dei “felici cronici”, imperturbabili dinanzi le insidie e capaci di conservare l’euforia anche nella sventura.

Ma cosa distingue questi individui da quelli che sono soggetti ad una più facile perdita della felicità? E come è fatto chi è felice?

Ecco le quattro tipiche caratteristiche:

  1. Le persone felici presentano un ELEVATO LIVELLO DI AUTOSTIMA. Essendo sinceramente convinte del proprio valore, si descrivono come più intelligenti, più sane e socialmente più competenti della media. La correlazione statistica tra felicità e autostima è stata riscontrata in tutti gli studi in materia, ma è particolarmente accentuata in campioni di soggetti appartenenti alle società occidentali nelle quali alla libertà individuale si assegna la massima importanza; in civiltà più “collettivistiche”, ove il gruppo ha la preminenza sull’individuo, tale associazione è nettamente più debole.
  1. Le persone felici hanno un FORTE SENSO DEL CONTROLLO circa gli eventi della propria vita. Il sentimento di impotenza, il cosiddetto “helplessness”, rappresenta spesso un ostacolo insormontabile lungo il sentiero che conduce alla felicità, e a lungo andare reca con se disturbi fisici e psichici. Chi si sente padrone del proprio destino, invece, tende a descriversi come più felice nella media.
  1. Le persone felici sono OTTIMISTE. Chi ad esempio può sottoscrivere affermazioni del tipo “se inizio qualcosa, il più delle volte riesco nell’impresa” è veramente più felice ed anche più efficace di chi al contrario dubita in ogni momento delle proprie capacità.
  1. Le persone felici sono ESTROVERSE. Che vivano da soli o insieme ad altri, che abitino in campagna o in città, che lavorino per conto proprio o in gruppo, gli estroversi sono più felici degli introversi.

Accanto a questi 4 “ingredienti” imprescindibili, ve ne sono altri che completano il profilo dell’individuo contento:

  • la disponibilità di un reticolo di relazioni sociali che fungono da sostegno,
  • la capacità di gettarsi anime e corpo in un compito, nel lavoro ma anche nel tempo libero e,
  • la dedizione ad un ideale politico, sociale o religioso che dia un senso al corso dell’esistenza.

 

Ora gli ingredienti li conosci, sei pronto a procurarteli e a realizzare la tua ricetta?

 

Dott.ssa Teresa Pomponi

Psicologa – Psicoterapeuta

Via Gorgona, 8 – METRO B1 Jonio

00139 Roma

333.7077652

www.teresapomponi.it

info@teresapomponi.it